• laCucinaDiFeFè

STUFATO DI PATATE E CAVOLINI DI BRUXELLES


Cosa c'è di più buono e sano di uno stufato caldo e fumante a base di patate, cavolini di Bruxelles e legumi? Un mix di ingredienti di altissimo pregio per le loro proprietà benefiche, un concentrato di virtù da portare in tavola, perchè come tutti sanno, i cavolini, tra gli ortaggi appartenenti alla famiglia dei cavoli, contengono un numero maggiore di antiossidanti utili alla prevenzione dei tumori. Non mancano poi le qualità salutari dei ceci e dei piselli e il senso di sazietà offerto dalle patate. Una ricetta veloce adatta anche a chi segue una dieta vegana , o desidera rimanere leggero, senza troppi sensi di colpa nè impegno ai fornelli. Provateli anche voi, non ve ne pentirete!

Tutte le ricette "vegane" sono in assenza di carne e/o di pesce e in assenza di altri alimenti a base di proteine animali, come uova e formaggi.

Lo sapevate che studi scientifici hanno dimostrato le proprietà antitumorali dei cavolini di Bruxelles e in particolare sembrano i più utili nella prevenzione dei tumori all’apparato digestivo? Questi benefici sono imputabili alla presenza di carotenoidi, clorofilla eglucosinolati. Tra questi composti vi sono potenti enzimi con proprietà disintossicanti nei confronti del fegato. prevenzione del tumore al colon, alla vescica urinaria ed allo stomaco. Oltre a questo un altro studio ha confermato che gli antiossidanti come i flavonoidi, abbondanti nei cavolini di Bruxelles, possono neutralizzare i pericolosi effetti dei radicali liberi. Sono inoltre un alimento molto adatto per chi soffre di ritenzione idrica. Il loro consumo è consigliato alle persone obese ed a chi vuole perdere peso in generale. Hanno proprietà antinfiammatorie e, se cotti al vapore, sono in grado di contribuire alla riduzione del colesterolo cattivo nell’organismo. La fibra alimentare infatti, ha un’efficacia migliore nel ridurre il colesterolo se i cavolini di Bruxelles sono stati cotti al vapore.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 Kg. di patate

  • 500 g cavolini di Bruxelles

  • 200 gr. di pomodorini ciliegino (o in alternativa 250 gr. di polpa di pomodoro)

  • 150 gr. di ceci già cotti

  • 150 gr. di piselli

  • 1 spicchio d'aglio

  • prezzemolo (q.b.)

  • 800 ml. di brodo vegetale

  • olio evo

  • sale e peperoncino

Procediemento:

Iniziate innanzitutto a preparare il vostro brodo vegetale. Lavate i cavolini sotto l'acqua corrente, privateli del torsolo e sfogliateli delle foglie esterne più gialline e rovinate. Tagliateli a metà. Pelate le patate, che non dovranno essere troppo grosse, in modo da ricavarne dei tocchetti regolari e di media dimensione (fig. 1).

Lavate e tagliate i pomodorini a metà; fate dorare l'aglio in un tegame capiente con un giro di olio e 2 cucchiai di brodo vegetale e unite i pomodorini (fig. 2).

Fate appassire qualche minuto, quindi aggiungete i cavolini, i tocchetti di patate e 2 mestoli di brodo. Incoperchiate e fate stufare lentamente per circa 30', integrando sempre il livello del brodo con altri mestoli di brodo caldo (fig. 3).

Dopo 20' dall'inizio della cottura, aggiungete anche i piselli (fig. 4).

Infine, 5' prima di spegnere unite i ceci già cotti e fate insaporire (fig. 5).

Completate la cottura, spegnete la fiamma e aggiustate di sale e spolverate con peperoncino a piacere. Servite ancora caldo con un trito di prezzemolo e, se dovesse risultare troppo asciutto, unitevi un filino d’olio, quindi portate in tavola. E voilà...il vostro stufato di patate e cavolini di Bruxelles è pronto per essere gustato!

Buon Appetito dalla cucina di Fefè!

Vi è piaciuta questa ricetta? Scrivetemi le vostre impressioni; aggiungete un like e mi raccomando, non dimenticate di condividerla! Seguitemi anche sulla mia pagina Facebook e su Instagram! Grazie!!!

#stufatodipatateecavolini #contornolight #contornovegetariano #contornoleggero #totalvegan #ricettavegana #cucinafacile #lacucinadiFeFè

0 visualizzazioni

© 2017 by LaCucinaDiFeFè-CucinareFacile       -       Web Designer: GraphicRealTime Comunicazione Visiva       -       TUTTI I DIRITTI RISERVATI